Una regata per la promozione della persona e del territorio

Si è tenuta il 17 aprile nella sede dello storico Circolo Canottieri IRNO la conferenza stampa di presentazione della 4a edizione della manifestazione remiera ROWING TOGETHER Città di Salerno, in programma, con il Patrocinio Morale della Regione Campania, sul Lungomare della città campana dal 28 al 30 aprile 2018.
Il Vicepresidente per lo sport del Circolo Irno, Rosario Buonomo, ha parlato della manifestazione come un momento collettivo importante di promozione della città, anche per i suoi risvolti sociali, che si augura possa diventare un classico nel calendario degli eventi di Salerno.
Antonio Ricciardi, Presidente della Happening Sport, co-organizzatrice del campionato insieme all’IRNO, ha iniziato dai ringraziamenti, citando innanzitutto l’appoggio fondamentale della Federazione Italiana Canottaggio, della Federazione Italiana Canoa e Kayak e quello del Comune di Salerno, Comune che ha sposato l’iniziativa fin dalla prima edizione, mettendo a disposizione il campo gara incastonato sul Lungomare Trieste, che consente un grande coinvolgimento del pubblico in ogni momento delle gare. “Con il Comune peraltro – ha aggiunto Ricciardi – stiamo promuovendo  un progetto di sviluppo futuro della manifestazione, che coinvolgerebbe non solo il canottaggio e gli sport remieri, ma tutte le discipline sportive legate al mare”.
Contributo fondamentale quest’anno è quello della Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale, Main Sponsor della manifestazione, ente senza scopo di lucro che si pone l’obiettivo di promuovere i più alti valori legati alla persona, attraverso una presenza ad altissimo livello nei campi della sanità, della ricerca scientifica, dell’istruzione e formazione, dell’arte, della cultura e del sociale. Il suo appoggio a Rowing Together riconosce quindi il valore dell’iniziativa anche sotto l’aspetto della solidarietà, integrazione e crescita delle persone. Durante l’incontro con la stampa, è stato letto un messaggio del Presidente della Fondazione, Prof. Avv. Emmanuele Francesco Maria Emanuele: “Sono davvero lieto di poter contribuire alla realizzazione di questa importante manifestazione sportiva che è ormai un appuntamento tradizionale della città di Salerno, luogo a me molto caro dove ho trascorso più di dieci anni della mia vita in qualità di docente della Facoltà di Economia e Commercio. La Rowing Together è un altro tassello fondamentale nel mosaico delle iniziative della Fondazione che coniugano i valori dello sport con l’attenzione verso le categorie sociali deboli a favore di una maggiore inclusione sociale e dell’affermazione imprescindibile della dignità umana”.
In questa edizione sarà presente con un punto informativo la Regione Campania con la sua campagna “MI VOGLIO BENE”, un programma che sostiene la prevenzione oncologica, offrendo una assistenza diagnostica tempestiva, specializzata e gratuita, come ha raccontato oggi la Dott.ssa Annalisa Nardacci della ASL di Salerno, la struttura che materialmente da anni si occupa di questi screening. L’obiettivo è quello di coinvolgere un numero sempre più alto di persone nell’attività di prevenzione.
Il campionato è stato reso possibile anche con il contributo di altri sponsor: la rivista Plein Air, anch’essa presente con uno stand durante le gare, le Assicurazioni Generali, le ceramiche Solimene – che forniscono tra l’altro le particolari medaglie in ceramica dipinta a mano – MSC Crociere, l’acqua Uliveto, gli integratori Berry.En, l’olio Colavita, il ristorante Anema e Cozze, il caseificio Taverna Penta, la gioielleria Ventrella, la cioccolateria Caffarel, le Tecnologie Interdisciplinari Farmaceutiche. Technical Partner CONCEPT 2, Media Partner Corriere dello Sport e Radio Show Italia. Sponsor tradizionale di Rowing Together fin dal primo anno l’Azienda Agricola Biologica Barone Antonio Negri.
Ospite speciale e molto gradito dell’incontro odierno Antonio Colamonaci, Direttore Tecnico della squadra nazionale di canottaggio rumena e del Circolo CRV Italia di Napoli. Anche Colamonaci ha espresso apprezzamento per la funzione sociale più di recente riconosciuta ad uno sport come il canottaggio, che per alcune categorie di atleti disabili diventa non solo gesto atletico, ma occasione di aumentare la propria autonomia e indipendenza. Fiore all’occhiello di Rowing Together, infatti, è la partecipazione costante del gruppo Special Olympics, atleti con disabilità mentali che sanno regalare momenti di vera emozione durante le gare.
L’appuntamento con gli equipaggi di canottaggio e canoa è quindi sul Lungomare Trieste di Salerno dal 28 al 30 aprile.