La cultura abbraccia la scherma all’Accademia Musumeci Greco

Sabato 19 maggio scorso, apertura straordinaria al pubblico dalle ore 21.00 alle 24.00 dell’accademia di scherma più antica del mondo, quella di Renzo Musumeci Greco a Roma a due passi dal Pantheon. Il Maestro Musumeci Greco ha risposto all’invito fattogli dal Comune di Roma in quanto Casa Museo, peraltro l’unico al mondo dove si pratichi regolarmente la scherma, cui la famiglia si dedica fin dall’Ottocento. Il tema è stato “Integrazione, Cultura, Spettacolo e Bel a canto attraverso l’Arte della Scherma”.
Fulcro della serata, il progetto “Scherma Senza Limiti”, generosamente sostenuto dalla Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale. A testimoniarlo, gli assalti fra schermidori normodotati e l’azzurro paralimpico Pietro Miele, reduce dai Campionati del Mondo. Hanno preso parte all’evento, indossando le tute della Fondazione, altri atleti disabili dell’accademia, sia in carrozzina che affetti da autismo e sindrome di Down.
La serata è stata piacevolmente arricchita dai racconti di Musumeci Greco sulla storia dell’Accademia, da interventi di Novella Calligaris e di attori come Alessio Boni, Pino Quartullo e Francesco Meoni, nonché da brani di opere liriche cantati dal vivo dal soprano Virna Sforza.