Vela, tradizione e cultura: torna la Palermo-Montecarlo

Oltre trenta le barche già iscritte tra cui Malizia II di Pierre Casiraghi

Mancano meno di due mesi alla partenza della XIII edizione della Palermo – Montecarlo,  la regata velica d’altura, divenuta punto di riferimento per il calendario velico estivo nazionale e internazionale, che partirà il 21 agosto da Mondello. Una crescita esponenziale, che edizione dopo edizione  ha permesso alla Palermo-Montecarlo di pregiarsi di grandi collaborazioni. Questa edizione, che si appresta a partire, avrà il supporto della Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo,  da sempre mossa dalla volontà di promuovere la sanità, la ricerca scientifica, l’inclusione sociale, l’istruzione, la formazione e l’arte e cultura nel Meridione d’Italia, e dalla missione di fare da trait d’union tra le culture che si affacciano sul Mar Mediterraneo.

“La regata Palermo – Montecarlo è una regata che può ormai definirsi d’eccellenza; giunta alla XIII edizione, copre un percorso di circa 500 miglia riproponendo un’antica rotta battuta 3.000 anni fa dalle imbarcazioni fenicie e successivamente da quelle greche – afferma il Prof. Avv. Emanuele, Presidente della Fondazione Terzo Pilastro – Si tratta di un evento sportivo particolarmente significativo per l’importanza che la città ha sempre rappresentato nel Mediterraneo, in virtù della sua storica centralità politica e culturale, ed in particolar modo lo è quest’anno alla luce dell’avvenuta designazione di Palermo a Capitale della Cultura 2018. Il percorso evocativo di quell’antica rotta, che già tre millenni fa favoriva scambi commerciali e culturali all’interno dell’area mediterranea, potrà fungere da volano per la promozione turistica e culturale non solo di Palermo e della sua tradizione marinara, ma della Sicilia tutta”.

“Sono particolarmente soddisfatto e onorato – spiega Agostino Randazzo, presidente del Circolo della Vela Sicilia – di avere al nostro fianco in questa tredicesima edizione, la Fondazione Terzo Pilastro presieduta dal Prof. Emmanuele Francesco Maria Emanuele.  La nostra regata ha l’ambizione di unire all’aspetto prettamente sportivo, elementi che rimandano alla cultura, alla tradizione, all’arte, ai giovani, temi cari tanto alla nostra regione che al principato monegasco e alla Fondazione Terzo Pilastro. Va da sé che questa collaborazione non può che essere una perfetta sinergia di intenti”.

Ad oggi, sono oltre trenta le barche iscritte alla XIII edizione della Palermo-Montecarlo,  organizzata dal Circolo della Vela Sicilia con lo Yacht Club de Monaco e la collaborazione dello Yacht Club Costa Smeralda. Dopo l’annuncio di Lucky (Raichel-Puig 63’), è arrivata l’iscrizione di Malizia II, il MONO60 con foil (Classe IMOCA 60) di Pierre Casiraghi che  difenderà i colori dello Yacht Club de Monaco. Nata da un progetto del 2015 di Guillaume Verdier, Malizia II misura poco meno di 19 metri di lunghezza e si aggiunge di diritto alla lista dei candidati alla vittoria. Casiraghi, vincitore in tempo reale della Palermo-Montecarlo nel 2013 e nel 2014, conserva un ottimo ricordo delle due traversate: “La rotta lungo le coste della Sardegna e della Corsica è fantastica – ha dichiarato – È un evento meraviglioso, con un’ospitalità veramente calorosa da parte del Circolo della Vela Sicilia”.

La partecipazione di Malizia II dello Yacht Club de Monaco (gemellato con il CVS), mette a serio rischio il record della regata, detenuto da Esimit Europa 2 in 47 ore, 46 minuti e 48 secondi, stabilito nel 2015. La Palermo-Montecarlo – inserita nel circuito internazionale dell’International Maxi Association-IMA, che include alcune delle regate-simbolo del Mediterraneo –  mette in palio il Trofeo Angelo Randazzo al vincitore overall in tempo compensato (IRC o ORC) e il Trofeo Giuseppe Tasca d’Almerita al vincitore in tempo reale.

www.palermo-montecarlo.it